La PEC è un diritto


Nel corso degli ultimi mesi si è parlato molto della Posta Elettronica Certificata (PEC), tecnologia che – nelle intenzioni del legislatore – dovrebbe diventare lo strumento preferenziale di comunicazione tra cittadini, imprese e Pubbliche Amministrazioni.

La scelta di ricorrere alla PEC non mi convinceva (e, onestamente, continua a non convincermi); tuttavia, credo che la Posta Certificata possa essere uno strumento idoneo a semplificare i rapporti, a smaterializzare l’attività amministrativa, a rendere gli uffici pubblici più efficienti e trasparenti, a migliorare la qualità della vita degli utenti.

Ciononostante, ad oggi, sono molte le Amministrazioni che non hanno attivato un indirizzo di Posta Elettronica Certificata (una lista di Enti “fuorilegge” è stata diffusa dallo stesso Ministero per la Pubblica Amministrazione e l’Innovazione) e quelle che pure formalmente lo hanno attivato spesso non lo rendono conoscibile ai cittadini, oppure non lo usano.
Embematico, sotto questo aspetto, il video che embeddo qui sotto in cui, un funzionario (interpellato in merito alla possibilità di comunicare via PEC con l’Amministrazione) risponde che l’Ente ha una casella PEC ma che questa non viene di fato utilizzata e che, pertanto, è consigliabile ricorrere alla tradizionale raccomandata A/R.

Si tratta di argomenti che spesso, negli ultimi mesi, ho sentito quando ho chiesto ad Enti (di ogni ordine e grado) di poter usare la PEC; tuttavia, non sempre si ha la percezione che risposte di questo tipo dimostrano non solo la disorganizzazione dell’Ufficio, ma una grave violazione degli obblighi di legge.
Infatti l’attivazione e l’uso della PEC non sono una concessione rimessa alla discrezionalità (e al “buon cuore”) delle Amministrazioni, ma rappresentano un vero e proprio obbligo per gli Enti che sono tenuti ad assicurare a cittadini e imprese alcuni diritti digitali ormai da tempo consacrati in provvedimenti normativi.
In particolare, ciascuna Amministrazione deve:

1) attivare almeno un indirizzo di Posta Elettronica Certificata per ogni registro di protocollo;
2) rendere pubblico l’indirizzo di PEC sulla home page del proprio sito;
3) rendere pubblico l’indirizzo di PEC sul portale governativo www.paginepecpa.gov.it;
4) utilizzare la PEC con tutti gli utenti che ne facciano richiesta, senza poter addurre difficoltà tecnologiche ed organizzative per impedire l’esercizio di questo diritto.

Gli Enti che non vi avessero già provveduto devono quindi adeguarsi rapidamente se vogliono evitare responsabilità e contenzioso; ciascun cittadino, infatti, può ottenere giudizialmente la tutela dei propri “diritti digitali”.
Le leggi ci sono già, bisogna solo pretendere che vengano rispettate!

10 commenti su “La PEC è un diritto

  1. Caro Ernesto, l’elenco degli enti senza PEC è molto istruttivo. Come singolo gruppo spiccano le Università e tra queste quelle “telematiche”. Contraddizione in termini o emerge un inconfessato desiderio di “distanziarsi” (o almeno tenersi lontani) dai cittadini?

    1. @Giorgio probabilmente tutte e due le cose; di sicuro, molte Amministrazioni non vogliono (o peggio, hanno paura) di un contatto diretto con i cittadini… e ciò a dispetto di proclami e “belle parole” di circostanza…

  2. Sarebbe bello che (l’utilizzo del)la Pec fosse un diritto. Purtroppo non è così, come ha evidenziato il Consiglio di Stato nel parere al Codice. Affermare diritti non equivale, infatti, a crearli. La Pec (non creata, nascosta o inutilizzata) potrebbe essere campo di prova del d.lgs 198/2009. Strada tortuosa e di poche certezze, ma pur sempre esistente.

    1. @Lorenzo condivido quanto dici in merito al D.Lgs. n. 198/2009 ma sono convinto che il CAD (e le sue modifiche) assegnino alcuni veri e propri diritti come dimostra l’azionabilità in giudizio prevista dall’art. 3 D. Lgs. n. 82/2005.

    1. @Lorenzo, naturalmente avevo letto già le tue riflessioni… Ma continuo a non essere d’accordo; anzi, più vado avanti e più mi rendo conto che quelle norme hanno una portata precettiva chiara ed immediata e, come te, mi auguro che questo venga presto consacrato in un precedente giurisprudenziale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Salvo dove diversamente specificato, i contenuti di questo sito sono distribuiti con licenza CC BY-NC 4.0 | Privacy policy
Designed by Lago digitale