Save the date: 13 maggio 2009 – Barcamp InnovatoriPA


Tra due settimane, il 13 maggio, nell’ambito del Forum PA 2009 si terrà un importante Barcamp promosso dalla Rete per l’innovazione nella Pubblica Amministrazione italiana.

Il Barcamp InnovatoriPA sarà un evento di grande interesse per tanti motivi: che io ricordi è la prima volta che in un contesto così prestigioso si parla di innovazione “dal basso” nella Pubblica Amministrazione. L’entusiasmo e la bravura degli organizzatori ha fatto il resto e si parla già di “successo oltre le previsioni” per l’elevato numero di iscritti e di interventi proposti.

Ho raccolto con grande piacere l’invito di Gianluigi Cogo e ho preparato un video che embeddo qui sotto in cui anticipo alcuni temi che saranno trattati da me e dagli altri relatori nel corso del Barcamp.

Che ne pensate? Cominciamo a discuterne qui e parliamone il 13 maggio. L’ingresso è gratuito e ci si può iscrivere sul wiki del Barcamp.

2 commenti su “Save the date: 13 maggio 2009 – Barcamp InnovatoriPA

  1. Egr Sigr. Ernesto Belisario,

    Con la presente le comunico che ho avuto modo di vedere la sua intervista e per certi aspetti mi trovo pienamente concorde con Lei.

    Come lei ha già detto nel Marzo del 2005 fu varato l’art.82 che prevedeva almeno per quanto ho avuto modo di apprendere, una valutazione comparativa fra sistemi operativi software libero e sistemi operativi software non libero.

    E proprio questo mi porta a scriverLe, perchè l’associazione Software Libero http://softwarelibero.it inviò una lettera con raccomandata di Ricevuta di Ritorno all’attuale Ministro Brunetta, che per quanto ho potuto apprendere non solo non ha risposto a tale associazione, ma sembra che abbia ignorato proprio tale art di legge, facendo introdurre nella pubblica amministrazione software non libero vedasi http://softwarelibero.it/lettera-brunetta

    se l’art 68 DLg 82/05 prevede tale valutazione, saremmo stati felici che il Ministro lo rispettasse.

    Ci sono tanti motivi per cui il software non libero non debba essere adottato, ma se proprio la pubblica amministrazione desidera farlo, che allora segui le prassi.

    posso dirle che la mia attività mi ha spinto negli anni a scrivere differenti cose tipo:

    http://paolodelbene.pbworks.com/hacking
    http://paolodelbene.pbworks.com/FrontPage
    http://bavaglio-ad-internet.blogspot.com
    http://gnuandlinux.blogspot.com
    http://www.gnu-linux.it
    http://paolodelbene.blogspot.com/2008/08/free-software-licenses-refund.html
    http://gl0b4l1z4t10n.blogspot.com
    http://del-bene-paolo.blogspot.com
    http://wiki.fsfe.org/Windows-Tax_Refund#Italy

    e forse un briciolo di ragione è possibile chel’abbia anche io.

    forse non saprò esprimermi proprio come Lei, ma i concetti che riguardano il software li conosco abbastanza bene.

    Credo sia opportuno fare luce sui milioni di euro che si stanno elargendo da parte della pubblica amministrazione ad una delle più grandi multinazionali: m$ ben 325.000.000 di euro fino al 2012.

    Io il 13 Maggio ero al BarCamp e pensavo di poter esporre un argomento come: “Il Software Libero nella Pubblica Amministrazione e l’ostruzionismo esercitato dai vari governi italiani”.

    come provavo a dire una minima parola, venivo puntualmente interrotto, da una gentil signora di cui non intendo fare il nome per ovvi motivi.

    Ciò ha reso impossibile il poter esporre tale argomento riuscendo a seguire un filo logico, tutti ebbero modo di dire la loro e si lasciò al sottoscritto le briciole.

    Credo dunque che non verrò più ad un BarCamp se puntualmente debbo essere interrotto.

    Loro hanno detto che non trattavasi di Conferenza, laddove io preparo un argomento per esser esposto e dedicandoci diverso tempo ritengo ciò una Conferenza.

    Dunque non me ne abbia se non mi vedrà più, perchè in altre sedi, davanti a tanti hackers, non sono mai stato interrotto e solo una volta mi hanno chiesto una cosa.

    Ritengo ciò un atto di civiltà e sono contento che ci siano persone che si dedicano allo sviluppo del software libero, per rendere questo mondo più libero.

    Non posso dire altrettanto con altre associazioni, con cui ho avuto grandi discussioni.

    Avranno alcuni obbiettivi comuni, ma per altri aspetti
    viaggiamo su due bianri totalmente diffenreti, che non fanno nemmeno parte della stessa linea.

    Spero che Lei con le sue belle parole, possa invitare
    il Mnistro Brunetta ad avere un rispetto per le leggi e magari un incontro fra hackers ed il Mnistro stesso, sempre se ha modo di poterci entrare in contatto.

    In attesa di una sua risposta, le porgo i miei saluti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Salvo dove diversamente specificato, i contenuti di questo sito sono distribuiti con licenza CC BY-NC 4.0 | Privacy policy
Designed by Lago digitale